Cos’è un misuratore di saturazione? Cosa dovresti sapere

Un misuratore di saturazione è uno strumento utilizzato per misurare e monitorare il grado di saturazione dell’ossigeno.

Questa lettura ti dice quanto ossigeno ha il tuo sangue in un dato momento, e un misuratore di saturazione è uno strumento prezioso per i pazienti che soffrono di malattie respiratorie croniche come l’asma o l’enfisema e l’apnea del sonno.

Può anche essere usato in situazioni di emergenza come durante un arresto cardiaco per valutare se c’è un’adeguata ossigenazione prima di somministrare la RCP.

Cerchiamo di scoprire di più su questo strumento che anche durante la pandemia è diventato fondamentale: il saturimetro.

Introduzione alla saturimetria

La saturazione di ossigeno è la misura di quanto ossigeno c’è nel tuo sangue.

È una misura del fatto che tu abbia o meno abbastanza aria per vivere, e può essere misurata con un semplice fermaglio per il lobo dell’orecchio!

Quando respiriamo, i nostri polmoni permettono all’ossigeno di entrare nel flusso sanguigno in modo che possa raggiungere tutte le parti del nostro corpo.

L’ossigeno non è però molto solubile, il che significa che quando viene mescolato con l’acqua (il principale componente delle cellule umane), il suo livello disciolto diminuisce significativamente: solo il 5% circa si dissolve nel volume del plasma dei globuli rossi.

Questo significa che l’emoglobina deve trasportare la maggior parte se non tutto l’ossigeno necessario per noi; il che NON sembra divertente perché l’emoglobina non funziona bene senza essere saturata per più del 95%.

Anossia, Ipossia e Ipossemia alcuni concetti che devi conoscere

I valori del saturimetro

Una delle cose più importanti sull’ossigeno è che è necessario per la sopravvivenza.

L’ipossia, l’anossia e l’ipossiemia possono verificarsi se non c’è abbastanza disponibilità di ossigeno nei polmoni per compensare la differenza tra quello che si respira per lo sforzo e quello che si respira quando si riposa.

L’anossia è una condizione di grave carenza o totale assenza di ossigeno. È anche uno dei sintomi di COVID-19.

Ipossia significa mancanza di ossigeno ai tessuti e può portare alla morte cellulare, a seconda della causa (ipossica, anemica, circolatoria istotossica).

Quando c’è ipossiemia che indica bassi livelli nel sangue di solito porta anche a danni ai tessuti.

Come ci può aiutare il saturimetro

Il pulsossimetro è uno strumento utile che sia i professionisti medici che la popolazione in generale possono utilizzare per misurare la saturazione dell’ossigeno nel sangue.

Il dispositivo ha ampie applicazioni, tra cui il monitoraggio della qualità del sonno o la misurazione dell’altitudine durante la pratica di sport in alta quota – è uno strumento alla portata di tutti!

Questa “istantanea” che produce il saturimetro, fornisce ai medici informazioni preziose su quanto sono sani i tuoi polmoni in quel momento.

Un valore superiore al 90% riflette una quantità di ossigeno adeguata per il corretto funzionamento secondo i professionisti medici.

Sotto questa percentuale indica ipossiemia (una condizione in cui non arriva abbastanza ossigeno agli organi) – assicurati di contattare il tuo medico se questi numeri persistono!

Per saperne di più su questo tipo di valori leggi l’articolo dedicato ai valori ossimetrici, ti darà una chiara panoramica su tutto ciò che abbiamo appena detto.

Il valore perfetto è il 100%, ma è molto raro raggiungerlo.

Un livello ottimale dovrebbe essere nell’intervallo 94-98%, che può fluttuare a causa di alcuni fattori fuori dal vostro controllo, come l’umore e i livelli di stress.

Se sei alla ricerca di un saturimetro e non sai quale scegliere, abbiamo recensito alcune delle marche più conosciute, trovi i link di approfondimento qui sotto:

Come funziona il saturimetro

Il principio di funzionamento su cui si basa il saturimetro, come già detto, è quello della fotometria spettrale. La sonda ha due diodi fotoemettitori in un braccio e un rilevatore sul braccio opposto.

Questi emettono fasci di luce a precise lunghezze d’onda: 660 nm per i rossi e 940 nm per gli infrarossi (940nm).

Supponendo che sia posizionato sul dito di un paziente con entrambe le braccia che si toccano vicino a dove ci sono le cellule della pelle sotto di loro, la luce delle sonde passerà attraverso tutti i tessuti fino a raggiungere i loro punti di destinazione.

L’emoglobina legata all’ossigeno assorbe principalmente la luce infrarossa, mentre l’emoglobina non legata assorbe principalmente la luce rossa.

Misurando la differenza tra la quantità di radiazioni emesse dai diodi e rilevate da un rilevatore durante il flusso sanguigno, questa unità di calcolo elaborerà il vostro valore di saturazione dell’ossigeno in modo che possiate capire meglio quanta anidride carbonica in più viene pompata nei vostri polmoni da ogni respiro rispetto al solito quando c’è un problema di volume dei fluidi.

Ora sai ciò che ti serve sul saturimetro

Speriamo che tu abbia trovato questo articolo sui misuratori di saturazione informativo e utile. Se non lo è stato, facci sapere perché nei commenti qui sotto.

Lascia un commento